• An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow

Segheria

Aperta nel 1953 su un piccolo appezzamento di terreno a ridosso del Santuario della Beata Vergine di Tirano, la segheria si è a poco a poco estesa fino a raggiungere le attuali dimensioni, che si attestano attorno ai ventimila metri quadri, di cui tremila coperti.

Fisicamente, consta di tre edifici principali. Sul lato che si affaccia su via Polveriera, in posizione nord-ovest sorge la palazzina uffici, l'ultimo tra gli immobili costruiti. Al primo piano c'è il ricevimento con lo studio di accoglienza. Al secondo, l'ufficio amministrativo e quello commerciale.

Adiacente il lato sinistro della palazzina, si trova il magazzino di stoccaggio del materiale sottoposto a trattamento IPPC-FAO. Al piano superiore, i materiali per la posa di pavimenti in legno.

Sul retro degli uffici, è disposto il forno di essicazione.

Il capannone principale, la segheria vera e propria, è localizzata nel centro del piazzale.
All'interno si trovano segatronchi, refendino, gatter, officina e cippatore. Sul lato ovest si collega a silos, accatastatore e multilame. Sul lato sud-est è collegata al reparto di misurazione e smistamento del cortame.

Disposizione a sé per la scortecciatrice, le cui considerevoli dimensioni (70 metri di lunghezza) hanno richiesto un ampio spazio dedicato, in posizione nord-est.

Sul lato opposto, sud-ovest, lo stoccaggio dei materiali segati, a cielo aperto. Tutto il lato est è invece occupato dal deposito tronchi e cortecce.